[ubuntu-it] why ubuntu 'sucks'... e non è colpa di unity (una volta tanto)

E.Odorifero betaversion a inwind.it
Ven 13 Apr 2012 09:53:24 UTC


Per quanto ne sappia, il principale rischio di Ubuntu non sono virus con
cui rimanere infettato, ma più che altro quello di diventare un
"portatore sano" degli stessi.
Mi sembra comunque che ci siano soluzioni di antivirus proprietari anche
per Linux anche se, ripeto, non tanto per essere così infettato, ma per
evitare che win e mac che si connettano ricevano virus da mail o siti
web. I virus su Linux si sono sempre contati sulla punta delle dita e le
falle su cui si poggiavano vengono regolarmente chiuse, o addirittura
preventivamente chiuse, con gli aggiornamenti di sicurezza.

Eugenio
-------

Il giorno ven, 13/04/2012 alle 11.40 +0200, Max ha scritto:
> scusate lo sfogo, non vuole essere un flame, ma solo il report di una 
> esperienza poco gradevole che voglio condividere, anche per informare 
> chi eventualmente ancora non ne avesse avuto notizia.....
> 
> che una distribuzione che dovrebbe essere supportata 5 anni in ambito 
> server (10.04 LTS) non aggiorni i pacchetti di clamav e lasci un server 
> mail privo di aggiornamenti contro i virus è veramente scandaloso.
> per cui se avete un server basato su lucid, siete avvisati.
> 
> questo il ppa da aggiungere per risolvere il problema:
> 
> ppa:ubuntu-clamav/ppa
> 
> non so dove canonical stia indirizzando le sue risorse, ma di certo non 
> le mette dove assolutamente dovrebbero andare.
> 
> ho scoperto così che ci sono i ppa di clamav, e molti mi diranno che 
> basta installare quelli... ma sono ppa della comunità e quindi non 
> supportate ufficialmente da canonical, alias, non fanno parte di quel 
> LTS che canonical sbandiera sempre quando deve farsi pubblicità, e 
> qualunque grana potesse insorgere saranno solo affaracci miei risolverla.
> 
> e il fatto di potere contare su aggiornamenti dei software essenziali 
> che non possono essere obsoleti pena malfunzionamenti, come clamav o 
> spamassassin, che su debian necessitavano di repo esterne, che mi 
> avevano convinto a passare ad ubuntu per i server....
> anche qui ora dovrò riconsiderare la cosa.
> 
> vabbè...
> 
> sconsolatamente...
> 
> Max
> 





Maggiori informazioni sulla lista ubuntu-it