[ubuntu-it] Digest di ubuntu-it, Volume 71, Numero 25

Andrea Marengoni andrea.marengoni a email.it
Dom 26 Set 2010 13:25:52 BST


> <<E questo e' normale... Un computer in una rete *deve* avere un indirizzo
> Ip per poterne far parte.
> Il mio sospetto e' che tu assegni a eth0 e eth1 lo stesso indirizzo IP e
> questo e' male.>>
Sospetto errato! Mi spiego subito: le ho tentate tutte e quando dico 
TUTTE... Per esempio avendo notato che in network manager l'indirizzo 
del computer risultava sempre 192.168.1.100 ho provato ad assegnare 
detto indirizzo ip a eth1 (in /etc/network/interfaces), dando poi sudo 
/etc/init.d/networking restart, ma la situazione era identica 
(naturalmente ad eth0 avevo invece assegnato, nello stesso file, 
l'indirizzo ip 192.168.1.2, lo stesso che lo script da me creato gli 
assegna ogni volta). Ho provato anche, una sola volta, effettivamente 
anche a mettere gli stessi indirizzi (basta aprire gli script da me 
allegati in precedenza per rendersi conto di come attualmente non sia 
più così, perché a eth1 non è assegnato alcun indirizzo, tanto che dando 
il comando al quale ho accennato in precedenza si specifica che 
l'interfaccia eth1 è ignorata, quindi mantiene l'indirizzo 
192.168.1.100). Ho anche provato ad assegnare un indirizzo ip statico a 
eth1, oltre che nel modo già indicato, per il mezzo di 
gnome-network-manager modificando la connessione auto Mason (il nome 
della rete senza fili), inserendo l'indirizzo MAC della scheda eth1 
visibile con il comando sudo ifconfig -a, inserendo l'indirizzo IP e il 
dns che si trova in /etc/resolv.conf (ho trovato una guida molto chiara 
fatta da un'utente donna), con identico risultato, anche se, fatta 
eccezione per il dns secondario, i dati che comparivano cliccando con il 
pulsante destro su "informazione connessione" erano identici (per quanto 
concerne la rete senza fili). Anche io pensavo che potesse dipendere da 
indirizzo IP uguale o diverso di eth0 ed  eth1, ma le prove fatte danno 
indicazioni contrarie...
> Se non puoi/vuoi metter mano al router, poco male. Si risolve
> diversamente.
>
> <<Intanto tira su prima eth0 e digita "sudo ifconfig" una volta che hai
> l'indirizzo di rete. Annota l'indirizzo. Fai lo stesso per eth1.
> Confrontali: se son uguali, devi configurare meglio lo opzioni in
> /etc/network/interfaces per poter avere due indirizzi "diversi" per le due
> schede, cosi' da non dover usare il tuo stravagante :-) workaround.>>
Come ripeto questo tentativo l'ho già fatto sperando vivamente che 
bastasse a risolvere il problema rendendo le due interfacce 
indipendenti. Ho provato perfino a seguire il wiki di ubuntu per 
trasformare il computer in un router, cercando di distinguere 
l'interfaccia esterna da quella interna ed adattando le istruzioni che 
si trovano a questo link: http://wiki.ubuntu-it.org/Router. L'unico 
tentativo che non ho fatto è quello della rete mista (bridge), LAN e 
senza fili, perché mi riesce troppo difficile capire come posso adattare 
le istruzioni ivi indicate alla mia situazione e ho preferito evitare il 
rischio di peggiorare la situazione!
> <<Passo pero' sulla configurazione di /etc/.../interfaces perche' mi ci son
> scontrato solo un paio di volte ( e poi ho fatto a mano) e  non
> ricordo la sintassi, ma in rete o facendo una ricerca qui trovi dritte a palate.>>
Confermo, ma seguendo le "dritte" fino ad ora trovate non ho risolto il 
mio problema... Dando il comando sudo ifconfig risultava che le 
interfacce eth0 ed eth1 avevano esattamente le impostazioni desiderate, 
ma non è mai bastato...
> <<In sintesi: dei tirare su  le due interfacce assegnando loro due indirizzi
> diversi e che *non* siano gia' occupati da altre macchine della rete in
> modo che, pur rimanendo attivo il dhcp sul router, ti trovi gia' assegnati
> gli indirizzi sulla tua macchina.>>
Questo non sarebbe un grande problema perché in studio in tutto i 
computer sono tre e solo una volta avevamo provato, con Windows, a 
creare una rete senza fili tra di essi, era successo un casino e da 
allora non l'abbiamo più fatto (poi io sono passato addirittura ad 
Ubuntu). Avevo poi configurato il computer del mio collega in modo che 
sua moglie potesse usare la sua multifunzione perché il toner era 
finito, ma non è stato toccato nulla dal punto di vista della rete. 
Forse esiste (ma non ne sono certo) una qualche rete o connessione tra i 
computer del marito e della moglie (forse l'hanno creata loro per sé 
stessi) ed ignoro totalmente quale indirizzo ip possano avere; in ogni 
caso, se esiste, è senza fili perché non c'è nessun cavo che collega 
fisicamente i due computer (che sono in due stanze diverse separate da 
un ingresso e da un lungo corridoio). Il mio è comunque quello già 
indicato (per quanto riguarda la rete senza fili). Nella peggiore delle 
ipotesi, in ogni caso, gli indirizzi ip sono tre ma non credo che il mio 
coincida con uno di quelli degli altri due, perché non ho mai notato 
problemi con la connessione, salvo quando assegno un indirizzo ip ad 
eth0 lasciando invece eth1 senza indirizzo (si fa per dire perché, 
ripeto, risulta sempre un indirizzo 192.168.1.100, salvo che sia quello 
di un'altra interfaccia, nel qual caso... non ci capisco più un 
accidente, perché sono certo che il nome dell'interfaccia senza fili è 
eth1). Adesso che non mi trovo a Brescia ma ad Ossimo Superiore e non 
sono connesso al router dello studio, per esempio, l'indirizzo ip 
risulta totalmente diverso: 151.81.201.251 (del resto sto utilizzando il 
cellulare come modem). Ciò mi fa pensare che effettivamente sia il 
router ad assegnarmi quell'indirizzo. Ricordo anche un altro dato che 
credo possa essere importante: alcuni anni orsono, nel 2005, se ben 
ricordo, le prime volte che ho messo piede nello studio dove lavoro 
anche ora e mi sono connesso al router, mi è stato chiesto il MAC. Credo 
quindi che in realtà il mio pc sia già registrato nel router ed è molto 
probabile che l'indirizzo ip mi sia stato assegnato allora. Se così 
fosse è ancora più difficile capire l'origine del problema... Una volta 
ho anche provato a mettere nel file etc /network/interfaces eth1 con 
dhcp ma è stato peggio che viaggiare di notte a fari spenti...
> <<Certo, sarebbe *molto* meglio accedere al router ed imporre gli stessi indirizzi
> associandoli al MAC address delle schede, per fare un lavoro pulito e meno
> rischioso; potresti per esempio trovarti ad arrivare in ufficio, accendere
> il computer e trovare uno degli indirizzi gia' occupato, per esempio.
>
> Vedi tu.>>
Il fatto è che, come ripeto, il router non è mio e mi faccio molto 
riguardo perché non vorrei mai, per un qualsiasi motivo, creare dei 
problemi ai miei colleghi per risolverne uno mio... Nessuno dei due 
inoltre sarebbe in grado da solo e dovrebbero chiamare un tecnico loro 
amico, insomma non vorrei creargli disagi. Se inoltre il mio ricordo di 
cui sopra è esatto (è molto probabile) l'indirizzo ip è già stato 
assegnato, non so se sarebbe possibile assegnarne un'altro, nel router, 
ad eth0 (immagino di no...). Ti ringrazio comunque molto per il tuo 
gentile interessamento!!! Ciao e grazie ancora. Andrea
> P
>




Maggiori informazioni sulla lista ubuntu-it